Naso per un giorno

28 Nov

Chi di voi si ricorda il Profumio!? Chi di voi ci ha giocato almeno una volta nella vita!? Avere sei anni e pensare di poter creare mille combinazioni diverse, annusarle e magari scoprire che non tutte erano come ce le aspettavamo ma essere comunque fiere di noi per aver creato qualcosa 😉 Questo e altri giochi creativi non hanno solo accompagnato la mia infanzia, sono “cresciuti” con me e sono “diventati” delle passioni. I profumi mi hanno sempre affascinato, poche gocce possono caratterizzare una persona, possono evocare un ricordo o un’emozione e possono nascondere la personalità di chi le porta.

profumio

La patria del profumo per eccellenza, si sà, è la Francia, ma dal momento che in questo momento non ho né il tempo né i mezzi per trasferirmi là, ho cercato qualcosa di più fattibile per iniziare a conoscere il mondo dei profumi più da vicino: sono andata sul sito dell’Accademia del Profumo e sotto la sezione “il naso” > “corsi” > “formazione continua” ho trovato quello che faceva al caso mio, i corsi di Mouillettes & Co.

Io ho deciso di seguire il corso “una giornata da naso”: dura un giorno (di solito il sabato per permettere a tutti gli interessati di partecipare) e  fornisce le basi per conoscere un profumo a partire dalle sue varie componenti e dalle emozioni che esse suscitano.

Durante questa meravigliosa giornata ho imparato che:

  • le cartine su cui viene spruzzato il profumo prima di farlo “sentire” alle persone hanno un nome si chiamano mouilettes
  • ogni odore, o profumo come preferite, comunica delle emozioni diverse ed esse possono risultare diverse per ognuno di noi
  • se per ogni odore riusciamo ad associare un sentimento o un ricordo poi sarà più facile per noi distinguerne uno dall’altro
  • più l’emozione che vogliamo comunicare con il profumo che stiamo creando è forte più riusciremo a comunicarla
  • il profumo che scegliamo come nostro o che creiamo appositamente per noi ci identifica più di quello che si possa pensare e comunica delle cose di noi che a parole ci verrebbe difficile spiegare

Alla fine di questa giornata ci è stato chiesto di scegliere tre concentrati tra quelli che avevamo sentito durante la giornata e di provare a miscelarli in varie proporzioni per tre volte fino ad ottenere il profumo che più ci rappresentasse, poi ognuno di noi avrebbe sentito quello degli altri e avrebbe provato ad esprimere ciò che ogni profumo gli comunicava. Per quanto riguarda la sottoscritta la mia scelta è stata dettata dal voler evidenziare come io possa essere dolce e romantica ma anche decisa e grintosa allo stesso tempo, il risultato!? Beh, devo dire che mi ha stupito molto, il messaggio sì è stato colto, ma in più hanno evidenziato una  mia caratteristica che pensavo non potesse trasparire attraverso un profumo: dopo una prima “annusata” mi hanno detto che non sapevano decifrarlo, che era misterioso. In effetti, forse sono un po’ misteriosa, all’inizio posso dare un’impressione sbagliata di me perché risulto distaccata ma in realtà poi, se mi si concede un po’ di tempo e non mi si giudica al primo sguardo, appaio per quella che sono, casinista, estroversa e un po’ pazza 😛

P.S. Anche in questa occasione, come al solito, mi sono distinta dalla massa: la maggior parte dei partecipanti dopo aver preparato le tre composizioni ha scelto la terza, io dopo innumerevoli “sniffate” ho scelto la prima 😛

Annunci

8 Risposte to “Naso per un giorno”

  1. pagurina9 29 novembre 2013 a 9:55 am #

    Ho avuto la possibilità di visitare in provenza la Fragonard ( http://www.fragonard.com/), un’azienda che produce profumi in Francia a Grasse.
    La visita è stata interessantissima e molto particolare e si è conclusa proprio con la stanza del “naso”, spettacolare! Anche a noi sono stati proposti dei mini test sulle fragranze, è stato molto complesso rispondere! 🙂

    Mi piace

    • susygiordi 29 novembre 2013 a 11:35 am #

      Anche a noi hanno fatto dei minitest durante la spiegazione… all’inizio ne sbagliavo sempre qualcuno, poi è stato più facile 🙂

      Mi piace

      • pagurina9 29 novembre 2013 a 11:41 am #

        molto stimolante come esperienza! se hai occasione vai a Grasse…anche le fontane sanno di rosa e sono profumate…un’esperienza unica!

        Mi piace

      • pagurina9 29 novembre 2013 a 11:42 am #

        dimenticavo..te la consiglio nel periodo di inizio luglio così puoi abbinare la visita alle fabbriche di profumo con l’esperienza dei campi di lavanda! 🙂

        Mi piace

        • susygiordi 29 novembre 2013 a 1:01 pm #

          🙂 grazie dell’info… ci avevo già fatto un pensierino su Grasse, ma rimanderò a luglio, non voglio perdermi i campi di lavanda 😉

          Mi piace

          • pagurina9 29 novembre 2013 a 3:07 pm #

            Guarda fine giugno – primi di luglio perché verso metà mese la tagliano! La zona più bella e quella di valensole.

            Mi piace

            • susygiordi 29 novembre 2013 a 3:11 pm #

              ok, grazie mille!! Ho la sensazione che il prossimo luglio farò una piccola vacanza 😉

              Mi piace

I commenti sono chiusi.